Ginecologia ed Ostetricia

HPV DNA

PAPILLOMA VIRUS DNA

La nostra Equipe:

  • dr.ssa Alessia DI OTO

  • dr.ssa Giovanna PIZZOLI

  • dr. Mario PAZZANO

  • dr.ssa Roberta ROSSINI

Che cos’è il PAP TEST?

Il test HPV (detto anche DNA HPV test) consiste nel prelievo di una piccola quantità di cellule dal collo dell'utero (o cervice uterina) che vengono successivamente analizzate per verificare la presenza di Papillomavirus: le infezioni causate da questo virus possono infatti essere responsabili del tumore del collo dell'utero.

Come si effettua il PAP TEST?

Le modalità di esecuzione dell'esame sono analoghe a quelle del Pap test: nel corso di una normale visita ginecologica, si applica lo speculum, uno strumento che dilatando il canale vaginale permette la visualizzazione e l’accesso al collo dell’utero. A questo punto si inserisce delicatamente una speciale spatola o un bastoncino cotonato che servono a raccogliere piccole quantità di cellule sia dal collo dell'utero sia dal canale cervicale da esaminare in laboratorio.

 

E' un esame che possono fare tutte le donne?

Il test HPV ha una sensibilità maggiore rispetto al Pap test, ossia è più efficace nel predire la possibilità di sviluppo di lesioni che potrebbero evolversi in tumori, ma meno specifico, vale a dire che identifica anche infezioni che potrebbero regredire spontaneamente. Pertanto l’esame andrebbe riservato alle donne di età superiore ai 30 anni, poiché prima di questa età le infezioni da HPV sono molto frequenti, ma regrediscono spontaneamente in un’alta percentuale di casi e non evolvono quasi mai in tumore.

Attualmente viene utilizzato nello screening del tumore del collo dell’utero nelle donne con età superiore ai 30 anni in associazione al Pap test (co-testing), nella gestione del Pap test ASCUS nelle donne di età superiore ai 35 anni, nei controlli ginecologici successivi al trattamento delle lesioni pre-neoplastiche del collo dell’utero. L'opportunità di eseguirlo da solo per lo screening del tumore del collo dell'utero al posto del Pap test è in corso di validazione. In Italia sono stati avviati numerosi progetti per valutare l'efficacia di questa strategia.

Quel che deve essere ben chiaro è che:

  • il test HPV non è un esame che va effettuato di routine insieme al Pap test pensando di ottenere risultati più affidabili;

  • la positività al test HPV non significa necessariamente presenza di tumore;

  • il test HPV deve essere eseguito a intervalli più lunghi (almeno
    cinque anni) rispetto ai tre anni previsti per il Pap test;

  • il test HPV per la diagnosi precoce del cancro del collo dell'utero non deve essere effettuato prima dei 30-35 anni, per le ragioni dette sopra.

Sono previste norme di preparazione?

Non occorre nessuna preparazione specifica per effettuare il test HPV.

Le uniche raccomandazioni sono: di non eseguire l’esame durante il flusso mestruale e nei due giorni precedenti; astenersi dai rapporti sessuali; evitare l'uso di deodoranti intimi, prodotti spermicidi, lavande, creme, gel, ovuli o schiume vaginali di qualunque tipo.

EMMEBI SERVIZI MEDICI scarl

P. IVA e C.F. 02115170181

Direttore Sanitario: dr.ssa Daniela Adinolfi

via Mascagni, 41  |  27029 Vigevano (PV)

0381 903076 (centralino)

fax 0381 695240

info@emmebiservizi.it

emmebi@pec.it

Ultimo aggiornamento: 21 marzo 2020